arrow logo-mobile separator swirl mobile laptop desktop tablet phone document documents search clipboard newspaper notebook book-open browser calendar presentation picture pictures video camera printer toolbox briefcase wallet gift bargraph grid expand focus edit adjustments ribbon hourglass lock megaphone shield trophy flag map puzzle basket envelope streetsign telescope gears key paperclip attachment pricetags lightbulb layers pencil tools tools-2 scissors paintbrush magnifying-glass circle-compass linegraph mic strategy beaker caution recycle anchor profile-male profile-female bike wine hotairballoon globe genius map-pin dial chat heart cloud upload download target hazardous piechart speedometer global compass lifesaver clock aperture quote scope alarmclock refresh happy sad facebook twitter googleplus rss tumblr linkedin dribbble
pane-forno-a-legna-cascina-la-commenda

La nostra filosofia in cucina

Genuinità e autenticità: ecco le parole che riassumono la nostra filosofia nell’orto e in cucina. Qui a Cascina la Commenda prepariamo colazioni e, su richiesta, cene per gli ospiti che alloggiano qui, come lo avrebbero fatto i nostri nonni.

  • Genuinità degli ingredienti: abbiamo un grande rispetto per la biodiversità, le varietà autoctone e il ciclo delle stagioni. Le colture sono quelle tipiche del nostro territorio, che crescono rigogliose da sempre e non forziamo con prodotti estranei. Questo rende i frutti della terra sani e gustosi.
    In cucina dunque, gli ingredienti sono semplici: patate, ortaggi, castagne e frutti come mele cotogne, pere martin sec, ramasin, nespole. Cereali come segale, grano e mais sono tutti poco raffinati in modo che le farine mantengano le loro proprietà nutritive. E naturalmente non manca il latte.
  • Autenticità dei piatti: tutti gli ingredienti appartengono alla cucina campagnola, povera per classe sociale ma non per nutrienti! Chi ha sempre lavorato nei campi cercava una cucina che desse energia, e quindi i piatti dovevano essere semplici e funzionali. Allo stesso tempo sono arrivati nuovi ingredienti (la carne, che una volta si mangiava solo nei giorni di festa grande), e influenze da territori vicini e lontani che hanno creato punti di contatto decisamente particolari (come l’uso delle acciughe, ingrediente di mare ma tipico del Piemonte).

Quando cuciniamo torniamo indietro proprio alla cucina campagnola, che più che tipica preferiamo definire autentica, e teniamo conto della sua evoluzione nei secoli.

Prenota ora